reviews

Filed below a little part of the reviews regarding to En Velours Noir releases which have been spread all over the world, rigorously kept intact in their contents. Of course, since I  love the oddest failures, you'll also find the most amusing ones.


About homonymous debut demo
Source
Media
Country
Author
Language
Dunkelheit newsletter Germany Werner ENG
TwilightfanzineItaly?ENG
Blutsabbathcd-r zineItalyF. NaioENG
Nocturnal ConspiracyfanzineFranceT. DonnerENG
Marble MoonfanzineItalyO. ChiodoITA
Ver SacrumfanzineItalyMircallaITA
FlashmagazineItalyS. GiustiITA



About "Else"
Source
Media
Country
Author
Language
Beauty and Pain webzine ? ? ENG
Guts of DarknesswebzineFranceTwilightFRA
RitualmagazineItalyC. NoselITA
Psycho!magazineItalyG. D. CioppaITA
MaldorormagazineSpainP. OrtegaSPA
Metal HammermagazineItalyF. MaglianoITA
FlashmagazineItalyS. GiustiITA
Eternity zinefanzineGermanyM. BaltesGER
RumoremagazineItalyS. MorelliITA
MonaswebzineNL?ENG
Lunar HypnosiswebzineFrance
M.Trance
ENG
Flux EuropawebzineUK
J. Marshall
ENG
Ver SacrumwebzineItalyManfredITA



About "La Danse Interdite"
Source
Media
Country
Author
Language
Darklife Zine mag & webzine
Switzerland
?
ENG
Herz und GeistfanzineItalyO. ChiodoITA
AscensionfanzineItalyW. PianoITA
SmallvoicesdistributionItaly?ITA
Rosa SelvaggiawebzineItalyNikitaITA
The D-SidewebzineItaly?ITA+ENG
Ver SacrumwebzineItalyS*ToxITA
RitualmagazineItalyG. SantoroITA



About "Dans Les Fleurs de Velours Noir"
Source
Media
Country
Author
Language
Eutk.net webzine
Italy
M. W. Pirazzoli
ITA
Darklife ZinewebzineSwitzerland?ENG
AscensionfanzineItalyW. PianoITA
Kronic.itwebzineItalyLuxITA
Erba della StregawebzineItalyMax 13-34ITA
The D-SidewebzineItaly?ITA+ENG
Herz und GeistfanzineItalyO. ChiodoITA
Rosa SelvaggiawebzineItalyNikitaITA
Broken DollswebzineFrancesvet_9FRA
RitualmagazineItalyS. MorelliITA
Ver SacrumwebzineItalyS*ToxITA



The transcript of new reviews collected have yet to be completed.
Meanwhile give a look at what I've gathered through the official project page: click HERE.



EN VELOURS NOIR  "En Velours Noir"

After the good results with symphoblackers Ater, a different but still big product from L.Mennella. E.V.N. presents generally a gothic mark with theatrical attitude that recalls to me Devil Doll (especially in "Reve Parisien", a musical transposition of Baudelaire's poem!!) and Dead Can Dance. I don't like some jazz parts even if they fit well and the song "Cogitations" too much "teknodark" for my taste but apart from that, this is one of the most original and intense tape I listen from years to. Also the packaging is original. It's a digipack (!!!) tape that let me without words. (Werner)

from newsletter "Dunkelheit" (Germany)

top


EN VELOURS NOIR  "S/T"

First product under this moniker, but known the author if this solo project: Luigi M.Mennella (Ater, Crepusculum Conscientiae). This is surely a good tape, rich in positive hints, helpful for the future. This demo contains five various and particular dark-gothic tracks of valuable quality. Some parts remind Anathema "Eternity" with a touch of darkness. Byt the whole of the songs seems to be reasoned and well composed. A very theatrical use of the voice is the final touch of this work. The only negative point is the recording, which unfurtunately doesn't support in the the right way the good result reached with this tape.

from fanzine "Twilight" (Italy)

top


EN VELOURS NOIR  "En Velours Noir" Demo (Hiems prod) 5/5

Charming creature of the tireless Luigi M.Mennella, En Velours Noir caused a bit of noise in this last period in the Italic scene...What do E.V.N. play? Eh, it's a hard question; answer is: boh? Here0s a bit of all: Gothic, Dark, much Devil Doll, Blues/Jazz parts and above all a lot of Poetry and Romanticism, whose the same soul of Luigi is full...As ever, I recommend this demo the the "brave" ones, to the ones who want to open ears to other worlds and other, new experiences: for these ones this demo is a mine, or rather I should say a kind of Luna Park, where they could find a lot of reasons of vent and, why not, fun in the better sense of the word; on the other hand, other ones can remain anchored at their moorings if they fear the strong waves...

from multimedial zine "Blutsabbath" (Italy)

top


EN VELOURS NOIR  "S/T" demo '98

En Velours Noir is Luigi from Ater's atmospheric music project, so expect no Metal by here, only melancholic, dark moods expressed through diversity. In fact each song has got an own feeling, the main common points are that there aren't any guitar, only keyboards, bass and percussions, accompanied by the great vocals of Luigi. In fact, En Velours Noir hardly be put into any category as it mixes a lot of feeling from different styles of music with deep atmospheres, you feel that the compositor has put a lot if his self into it. I know some of you won't find En Velours Noir worthy as it's not Metal, but I really think it spreads much more power than a lot of nowadays releases.

from fanzine "Nocturnal Conspiracy" (France)

top


EN VELOURS NOIR  "En Velours Noir" (CS, Hiems Creations)

Scoperti tramite la compilation"Florilegium Insaniae" ho subito apprezzato la competenza grafica e non che animava Luigi Mennella artefice della nascita del progetto En Velours Noir e del suo sviluppo dopo essersi svincolato dal precedente gruppo di cui faceva parte, gli Ater autori di un black metal sinfonico. (...) per tutta la durata del nastro si è trasportati dalla musica di Luigi nei territori sonori più diversi passando dal gotico barocco un po' alla maniera dei Lacrimosa in "Lacerto di un Sole" o a quello pià rarefatto ed incalzante di "Cogitations" per arrivare alla malinconia di "Reve Parisien" oppure alla lirica e romantica "Ethereal" dove le atmosfere sognanti si mescolano alla fine a melodie jazzate (!!!). Questa è infatti la caratteristica più evidente del demo e cioè quella di mescolare anche all'interno dello stesso brano varie sfumature (come certe cose dei Deviate Ladies) che secondo il mio modesto avviso possono far correre il rischio di disorientare l'ascoltatore pià smaliziato e di confonderne le idee. Personalmente considero la cassetta valida e vi consiglio di ascoltarla attentamente ma nello stesso tempo non posso non dichiararvi la mia piccola delusione nel trovarmi (dopo aver ascoltato il loro brano soave all'interno di "Florilegium Insaniae") davanti non ad un gruppo di stampo Cold Meat ma ad una entità musicale che seppur inspirata dallo spleen pià radicale ha votato la sua ricerca verso uno sperimentalismo che può ad alcuni risultare indigesto. (Ottavio Chiodo)

from review "Marble Moon" (Italy)


top


EN VELOURS NOIR : omonimo

Questo interessantissimo progetto solista di Luigi M.Mennella mi ha conquistata al primo ascolto, inanzitutto per la notevole versatilità artistica che dimostra e in secondo luogo per le incredibili capacità vocali di Luigi, davvero un’ ugola d’oro! La creatività non manca al nostro autore che ci presenta nel suo lavoro cinque brani che spaziano da suoni più vicini al gothic-rock (l’iniziale “Lacerto di un sole”), comunque reinterpretato in maniera estremamente originale, ad altri più soffusi ed intimisti (“Prodromes of Misogeny” che dà vita nella seconda parte, “Don’t believe”, ad uno splendido episodio di musica arabeggiante, su parole di Federico II re svevo del regno di Sicilia), dalle atmosfere decadenti dei “cafè chantant” parigini (“Rêve Parisien”, su lirica di Baudelaire), ad esperimenti di wave-elettronica (“Cogitation”) e a spiazzanti melodie “old-fashion” (“Ethereal”). Sia che faccia di questo eclettismo ilsuo marchio di fabbrica, sia che decida di prendere una delle tante direzioni musicali accennate in questo lavoro, il futuro di questo artista sarà sicuramente radioso, perchè di talento ne ha davvero da vendere. (Mircalla)

from review "Ver Sacrum" (Italy)

top


EN VELOURS NOIR  "En Velours Noir"

Di assoluto rilievo è anche il debut degli EN VELOURS NOIR, progetto solista della mente degli Ater che si candida ad essere considerato come una delle migliori espressioni dell “estremismo” musicale di casa nostra, e mai il termine estremismo fu più azzeccato vista la grande varietà (e qualità) di stili che si fondono perfettamente in questa tape. Fondamentalmente siamo davanti ad un gothic-project ma sarebbe riduttivo fermarci a tale definizione....come dimenticare l’improvviso jazz/fusion del finale o il tocco classicheggiante per pervade l’intero lavoro, a testimonianza di una preparazione strumentale di primissimo piano? “En Velours Noir”, un nastro in definitiva consigliato anche perchè disponibile in due confezioni di gran lusso, entrambe molto appettibili.

from magazine "Flash" (Italy)

top


...really an amusing failure: I couldn't help omitting it...

EN VELOURS NOIR  "Else"

Oh look the kids in pancake make-up doing their zombie dance will love this. I’m sorry man fuck Goths. Fuck them hard. I’m so depress and so much smarter then the rest of you bullshit music has to stop. That silly fucking male vibrato vocal just just bad. Only band you ever pull off Goth not being totally homo is Sister on Mercy. There I said it.

from webzine "Beauty and Pain"

top


EN VELOURS NOIR  "Else"

‘Else’ me semble évoquer à merveille l’esprit européen de fin de XIXème siècle, entre romantisme tardif et dandysme, ou les films expressionnistes en noir et blanc. Dès le premier morceau, l’auditeur se trouve happé par un tourbillon de violons, orgues de barbarie, pianos et bassons pour une valse folle et décalée. Le deuxième titre confirme cette atmosphère très cabaret tant dans la composition que les sons utilisés (piano, orgue, avec la touche de modernité de la batterie). La troisième chanson opte pour une ambiance quasi religieuse avec son orgue d’église et son carillon, avant de se terminer par une boîte à musique plaintive. Le quatrième reprend quant à lui tous ces éléments. Cette farandole gothique est menée par une magnifique voix grave (entre Brendan Perry de Dead can dance et Dave Vanian des Damned) magnifiquement utilisée en diverses envolées illuminées. Bref, le genre de musique qui évoquerait un cabaret parisien où l’on verrait le Dr Jekyll boire une absinthe avec Beaudelaire, Oscar Wilde, et le fantôme de l'opéra.. (September 2002) - 5/6

from webzine "Guts of Darkness" (Fra)

top


EN VELOURS NOIR - “Else”
(Beyond Prod./E.N.D.E) - 8

Questo mini di debutto per il progetto EVN dimostra di possedere idee convincenti, miscelando ad un'impronta teatrale e dark-wave parentesi più meditative e celestiali, a volte molto vicine ad alcune esperienze dei Dead Can Dance con Brendan Perry alla voce. Luigi M.Mennella (conosciuto anche per il suo progetto Furvus) traccia una netta linea di confine presentando quattro piccole gemme incastonate in un lavoro breve ma intenso, pregno di atmosfere che riportano indietro nel tempo e che appaiono remote, distanti, a tratti giocose, serene: il tema centrale è la melodia, una meticolosa sensibilità nel ricavare emozioni, e tutte le canzoni sono sostenute da una voce calda, presente, oltre che da un'atmosfera unica che le rende speciali, direi "magiche", tra visioni oniriche quasi felliniane ed eleganti ballate dark-wave. Significative anche "Requiem to Flesh", brano lento e intimo, forse la migliore tra le interpretazioni, con un organo da brivido e un che di religioso maestosamente espresso. Questo "Else" piacerà molto a chi cerca musica d'ascolto distensiva e mai noiosa, proponendosi come una delle migliri uscite italiane del 200: adesso bisgogna tirar fuori un album! (Claudia Nosel)

from magazine "Ritual" (Italy)

top


EN VELOURS NOIR  "Else" (Beyond...Prod)

Dietro il monicker En Velours Noir si cela la figura di Luigi M.Mennella, poliedrica figura di artista irrequieto, attratto dal fascino cupoe sensuale della storia e di tutti gli aspetti che essa cela. Artista che già si era fatto conoscere con il progetto Furvus, edito sempre dalla Beyond ...Prod. Ma se Furvus era l’aspetto arcaico e frustrante dei limiti della chiesa cristiana verso la libertà del singolo individuo, letto con una sensibilità quasi terrificante, con testi e strumentazione antica, il percorso degli EVN sembra invece mosso da una reale ispirazione dark gothic wave, come se i Depeche mode suonassero il repertorio dei Goblin con lo spirito dei Tangerine Dream. C’è una cadenza sensuale nei quattro brani di questo mini album che anticipa il debutto sulla lunga distanza, una sensualità che tracima nell’erotismo raffinato, come si ascolta nell’iniziale “About Love And Masks” e nella conclusiva “Under A Still Sun Kiss”, presa dall’esordio su cassetta degli EVN. Musica, cultura ed erotismo quasi la perfezione! (Gianni Della Cioppa)

from magazine "Psycho!" (Italy)

top


EN VELOURS NOIR  / "Else" Mcd / Beyond...

Hacía tiempo, mucho tiempo. Han pasado muchos años desde que oyera un grupo que me recordara a aquellos románticos empedernidos, a aquellos trágicos de una realidad cruel que hacían llamarse And Also the Trees. Mis disculpas a Mr. Lugi M.Mennella por comezar así este comentario. Su voz es jóven y sus recursos no demasiado ámplios, apenas se basta él con un teclado no demasiado espectacular para desplegar su mundo interior. Utiliza los sonidos pregrabados, esos sonidos que ya conoces de los tíos que te tocan el órgano en el metro o por la calle, pero da igual. Saca de sus entrañas lo que lleva dentro y lo pone en su música, y eso a mí me vale. De acuerdo con sus similitudes con And Also, quizá la falte el toque de personalidad, pero ese tema “A Monster Nearby” me tiene enamorado. También exhala un aroma vampírico, demasiado draculino quizá en su mal lugar. Sí la producción deja que desear...Pero esa voz de recién adulto en la que todavía pervive el vigor y la fuerza de la juventud es totalmente seductora y ardiente. Sólo un poco más de cuidado en los arreglos, sólo un poco más de medios y bastará para hacer de En Velours Noir un proyecto sublime. Pedro Ortega

from magazine "Maldoror" (Spain)

top


EN VELOURS NOIR  "Else" (Beyond Prod.)

Ancora in pista il polistrumentisa Luigi M.Mennella che, dopo i positivi risultati di critica riscossi dal suo ambizioso progetto di rivisitazione musicale storica Furvus, si getta nuovamente nella mischia con gli En Velours Noir, interessante one-man band dedita a sonorità gotiche. Quattro tracce per venti minuti di musica sono il buon biglietto da visita di questo gruppo che, in attesa del debut album, esce con una manciata di song dal retrogusto dark, giocate su suggestivi passaggi di tastiera e organo e sull'evocativa voce di Mennella, ora alla prese con un aulico cantato, ora intenta a recitare oscure litanie. Un lavoro non facile che fornisce comunque interessanti indicaziono riguardo ad un gruppo di assoluto interesse. (Fabio Magliano)

from magazine "Metal Hammer" (Italy)

top


EN VELOURS NOIR  "Else" (Beyond...Prod.)

Reveries: termine perfetto per descrivere i brani di En Velours Noir presenti in queso mini, anticipazione del futuro full-lenght album; quattro brani, atmosfere rarefatte, essenziali accenni musicali e la voce che spazia e segue i piccoli passi del piano, poco prima che siano cancellati dalle onde di un mare sconosciuto...Un mare che ci porta alla deriva verso tempi e luoghi non definiti ma che possono essere resi dalla memoria perduta che è in noi: come non pensare a peccato e innocenza perduta ascoltando le gravi noti di organo e gli angoscianti rintocchi di carillon di "Requiem to Flesh"? Uno dei brani pià riusciti di questo "Else", titolo quanto mai significativo, visto che ci allontaniamo dalle basi del demo omonimo uscito un paio d'anni fa, dove era il piano a dettar legge...Un'evoluzione non violenta che vede nell'ultimo brano "Under a Still Sun Kiss" il suo antecedente, teatrale e fin de siècle, decadente e altissimo. Aspettiamo l'album... (GG)

from "Flash" magazine (Italy)

top


EN VELOURS NOIR  "Else" Beyond...Productions 4/5

Bei En Velours Noir handelt sich um ein Soloproject des italienischen Avantgarde Musikers Luigi M.Mennella, der auf 'else', einer etwa zwangigminutigen Mcd, die auf tausend Kopien limitier ist, seine Vorstellung vor dunkler, gotischer Musik umsetzt. Aug Gitarreneinsätze sollte man nicht warten, da die vier Kompositionen allesamt von vielschichtiegen Keyboardarrengements getragen werden. Uber allem thront eine klassisch angehauchte Stimme, welche die düstere, manchmal bedrohliche Atmosphäre der Stücke noch unterstützt. Wer sich mit Elend erfolgreich auseinandergesetzt hat, der könnte auch an En Velours Noire gefallen finden, obgleich man die beiden Project nich direkt vergleichen sollte. (Markus Baltes)

from fanzine"Eternity" (Germany)

top


EN VELOURS NOIR  "Else"

...ispirati dai Dead Can Dance e a tratti dai Third and the Mortal, gli En Velours Noir di Else (Beyond Prod) anticipano l'uscita del loro primo full-lenght con quattro brani pregni di un intimismo barocco e serafico. Le strutture dei brani sono marcatamente "da camera" e si giostrano nell'incontro costante tra violini, pianoforti e partiture tastieristiche soffuse e notturne.

from magazine "Rumore" (Italy)

top


:)

En Velours Noir * Else (mcd 2000 beyond...prod)

I don't know why this name sounds so familiar. I didn't have anything of this Italian band, the label is a metallabel of which I only know the names of a handfull of bands. 
What En Velours Noir do on a metallabel is a good question, but I suppose the bandmembers  also play in metalbands or so. "Else" doesn't contain anything like metal though. It's more  like minimal modern classical with some gothic and dark ambient touches and magnificent tenor vocals. The music is quite simple and not always truly enjoyable, but these vocals make up everything. The only band that I can think off with some resemblances is the German Artwork. I like this quite a bit and I wonder what  the future bring for this band. <10/11/00>

from webzine "Monas" (Netherlands)

top


En Velours Noir - Else

En Velours Noir, the sole work of Luigi Mennella, is one of the more obscure Italian gothic/darkwave groups. "Else" was a brilliant little EP, set to be released before a full length album back in 2000. The music within is a dark, theatrical, descriptive music, unlike most bands. The title track "About Love and Masks" begins and a small music box theme plays dreamily amidst Luigi's strong operatic voice. The music picks up and timpanis lead the song into what sounds like a dark piece of a theater performance. After the vocals subside the music box and piano play furiously while looming brass, saxophone, and wind instruments take the atmosphere into a very animated and sinister direction. The music conjures up images of walking the streets at night in a 19th century European city and encountering some very bizarre spectacles on the way. Suddenly you stop to view one of the most grotesque, yet fascinating sights, in which "A Monster Nearby" sets the perfect atmosphere with its peculiar jazzy drumming, up-beat bass line and dark opera vocals. 
The next two tracks continue with the same dark creativity. While many points of this album take cues from older Dead Can Dance, and similar acts, it still remains a very original work. It's a shame that more bands don't have enough inspiration to put together something creative and artistic like En Velours Noir. "Else" is extremely short and leaves the listener wanting, or nearly demanding more, but alas the story of En Velours Noir ends in tragedy. Apparently, due to a computer failure Luigi Mennella forever lost all of his completed material for the full length album. After such a disheartening tragedy I can only wish him the best and hope that some day he might offer us another brilliant album. 
January 6, 2006
By MidnightTrance
8 of 10 

from webzine "Lunar Hypnosis" (France)

top


EN VELOURS NOIR
Else
2000
CD
Beyond...Prod Bey 0013

Beyond...Prod Bey 0013
This four track EP by En Velours Noir is the work of Italian Luigi M.Mennella and is a prelude to his debut LP. It's a collection of unpublished and exclusive tracks.
It's quite theatrical like it could be the soundtrack for a dark musical or something. All four songs would be put into the easy listening bracket although a more gothic version of that genre. 'About Love And Masks' is a bit like a cross between Nada-era Death In June and Mike Oldfield's Tubular Bells if you can imagine such a thing. 'A Monster Nearby' is more chirpy and you could well picture it in a musical version of a Dickens tale. 'Requiem To Flesh' has a gothic organ as its intro as it drifts well into Dead Can Dance territory. It's the darkest and most haunting out of the four. 'Under A Still Sun Kiss' is more space age sounding with its weird synth effects and ambient melodies whilst pounding drums and deep vocals do their best to darken things up! Then to end things some brief piano kicks in sounding like something from 'Fiddler On The Roof'
 (John Marshall, 25 January 2001)

from webzine "Flux Europa" (UK)

top


En velours noir: Else (MCD - Beyond Prod/Masterpiece Distribution, 2000).

Siamo di fronte ad una "musical performace by Luigi M.Mennella", alias Furvus.
E cosÏ come ero rimasto abbastanza perplesso di fronte alla fin troppo osannata grandeur di "Deflorescens iam Robur", che ho trovato impari al compito impostosi (quello di riassumere un millennio di evoluzione musicale ed estetica!), eccessivamente retorico ed infarcito di discutibili affermazioni estetico-storiche, ora mi devo togliere tanto di cappello di fronte alle quattro tracce di questo mini cd. Rimane ovviamente la vocazione compositiva e strumentale del Mennella (che qui comunque ci regala anche interessanti partiture vocali), ma chiusa in un ambito pi˘ delicato ed intimista, al servizio di atmosfere oscure e ambientazioni elegantemente fetish. Sonorit‡ austere, notturne e vellutate (in nero...ovviamente), melodiche e di ascolto facile ed immediato (il che non guasta, a volte) anche se colte e raffinate. "About love and masks", "A monster nearby", "Requiem to flesh" e "Under a still sun kiss", sono brani talmente ben suonati e arrangiati, e cosÏ ben "concettualmente" uniformi da sembrare diversi movimenti di una stessa suite tardo-romantica. Non ci resta che sperare che Furvus abbandoni la spada e si avvolga per sempre "en velours noir". (Manfred)

from webzine "Ver Sacrum" (Italy)

top


En Veloirs Noir - La Danse Interdite EP (Mvsa Ermetika)

After a relatively long period of silence, Luigi Maria Mennella resurfaces in 2005 with one of his numerous projects, En Velours Noir. The release in question resembles a little object of desire: a 3" CD packaged in a suitably mini-DVD like case, but with a definite retro look. This first contrast and the feel it generates are striking and beg you to insert the little disk in your player to further investigate what lies behind. Press play and you are instantly catapulted in a turn of the century (the previous one) street somewhere in mittel-Europa, with an accordion weaving melancholic melodies and tangos, melting the heart of the listener in a cauldron of nostalgic feelings. This is clearly a work in sepia tone, but the author pushes his well-known avant-gardist approach through, twisting the eight short compositions with rapid piano inserts and other jazzy inputs. Vocals crop up as well, notably including also some Pasolini texts, lifting the work from the mere homage au passé to a sort of re-elaboration in more contemporary key of the old tango tradition , filtered by Mr. Mennella singular sensibility. Clearly addressed to a sophisticated audience, Le Danse Interdite is really a little cult object of desire.

from magazine "Darklife zine" (Switzerland)

top


EN VELOUR NOIR
“La Danse Interdite”
(mcd – Mvsa Ermeticka)

Dopo molti anni di assenza, ritorna il progetto En Velour Noir del buon Luigi Mennella. Era dai tempi dei “Else” e cioè dal 2000 che non avevamo il piacere di confrontarci con il progetto più eclettico creato dal ragazzo toscano. In effetti, per chi non lo sapesse, gli EVN sono il mezzo prediletto da Luigi (rispetto a Furvus o Formal Logic Decay) per lasciare libero sfogo alle sue pulsioni più avanguardistiche e ricercate. Così com’era successo in passato, anche con questo mcd ci troviamo di fronte ad un lavoro che si rivolge, come un  sentito omaggio, al tango. Cioè ad uno dei generi più passionali, morbosi e coinvolgenti che siano mai stati creati. La creatività di Luigi trova la piena libertà in un approccio da “chansonier”, slegato dai soliti luoghi comuni del genere. Qui non si ascolta né neofolk, né dark ambient e nemmeno deathrock eppure si percepisce in ogni singola nota un senso di malinconia, di abbandono, di struggimento senza eguali. Tra fisarmoniche e delicati inserti di pianoforte, si evocano immagini di vicoli in penombra, di fumosi e maledetti locali in cui trascorrere la notte e dimenticare l’amarezza tra un sorso di assenzio e nuvole d’oppio. Uno scenario decadente in cui trame di tango si inseriscono appieno in un senso di spleen totale e radicale. Risulta difficile estrapolare qualche brano più indicativo di altri (orecchio comunque a “Lutetia”), tutto scorre come una catena ininterrrotta, come le veloci ore di una notte disperata e senza speranza. Sono incapace di aggiungere altro se non quello di consigliare un lavoro che spezza la monotonia di una scena forse troppo avvolta  su se stessa. Così come il cd degli Ianva, anche questo di EVN lancia uno sguardo verso il futuro ma recuperando la vera essenza dell’introspezione che non è fatta solo di vampiri, fantasmi e cimiteri. In una sfiziosa e particolare confezione troverete quello che spesso ci scordiamo: la passione per la musica, il gusto per la melodia, lo struggimento per amore. Grazie Luigi! “senza di te tornavo come ebbro, incapace di esser solo...” (Ottavio Chiodo)

from fanzine "Herz und Geist" (Italy)

top


EN VELOUR NOIR
“La Danse Interdite”
(CD 3”, Mvsa Ermeticka)

Racchiuso in una deliziosa confezione plastificata, questo MCD a 3” di En Velour Noir ci avvolge con le liriche sentimental/decadenti di Luigi Mennella  e con un tappeto sonoro dal sapore alquano retrò.
Ciò che si eleva dal lavoro è un atmosfera tardo romantica venata da una nostalgica aura da crepuscolo dei primi anni ‘900. Un tocco dark/ambient che sposa sonorità che oscillano tra il classico e il free jazz con delicati passaggi di musica da camera ed echi dal sapore sudamericano.
Un lavoro estremamente particolare che vedrei meglio come accompagnamento ad una piece teatrale che metta in miglior risalto l’aspetto poetico delle liriche. (Walter Piano)

from fanzine "Ascension" (Italy)

top


EN VELOURS NOIR
"La Danse Interdite"   3"CD   (Mvsa Ermeticka)

Ecco qualcosa di davvero diverso e veramente interessante. Questo lavoro s'inserisce nella scena dark con una sua peculiarità. Niente sintetizzatori impazziti, chitarre infernali e voci apocalittiche, ma una struggente fisarmonica tesse delicati e passionali trame di un tango fuori dal tempo, decadente e melanconico. La musica danza- E' proprio il caso di dire - su liriche sentimentali (tra cui anche una poesia scritta da Pier Paolo Pasolini) evocando immagini da fine de siecle ma collocandole su un orizzonte atemporale, rendendole icone di uno spleen molto intimo e raffinato. Il mini cd Ë bellissimo, tutti i brani riscaldano il cuore, trascinano la mente ed affascinano l'ascoltatore avvolgendolo con melodie melodrammatiche che solo le reminiscenze di tangueros argentini sanno suscitare. Ma la musica Ë nuova, la ricerca progressiva appagata. Prova davvero superlativa: Ë proprio vero che la creativit‡ genuina sa attingere dalla luce di ogni stella, anche quella pi˘ lontana e meno visibile. Ecco una perla da disciogliere nel calice dei propri pensieri e da assaporare al chiarore di una luna malata.

from catalogue of "Smallvoices" (Italy)

top


EN VELOUR NOIR
“La Dance Interdite” Mini-CD (Mvsa Ermeticka)

E’ da “Else” (mini-CD del 2000) che non ascoltavo la creatura di Luigi Mennella, noto personaggio attivo con altri due progetti musicali (oltre a questo, Furvus e F.ormal L.ogic D.ecay) e ideatore di ben due label (Anemic Wave Factory e Musa Ermeticka). Se in “Else” si avevano reminescenze care a band ethereal come i Dead Can Dance, qui c’è un totale cambiamento di sound, rimane l’atmosfera decadente ma c’è una virata forte verso un folk di stampo romantico. Qui lo strumento principale che fa da padrone non sono le tastiere con suoni sinfonici, ma la fisarmonica, che ben si adagia sulle belle melodie del cantato in italiano. Tra le liriche di Luigi, è presente anche un testo dell’indimenticabile ultimo grande poeta italiano: Pier Paolo Pasolini, con “Senza di te tornavo, come ebbro”. Se avete amato i primi E.V.N., certamente al primo ascolto di questo mini rimarrete abbastanza stupiti del cambiamento, ma già dal secondo si resta ammaliati da queste dolci composizioni, arricchite dal non perso romanticismo che ha contraddistinto da sempre il progetto. Bella anche la confezione di questo piccolo dischetto. Che dire di più, se volete trovare indimenticabili melodie questo cd è per voi. (NIKITA)

from webzine "Rosa Selvaggia" (Italy)

top


—- EN VELOURS NOIR / LA DANSE INTERDITE -—

En Velours Noir è uno dei tanti progetti di Luigi M. Mennella giunto già, se non erro, al 4° lavoro tra demo autoprodotti e cdr. Si tratta di un mini cd dalla confezione molto curata, un omaggio contemporaneo al tango di intensa nostalgia introspettiva, che dunque ben rappresenta l'essenza di una danza che si concentra sul rapporto tra due ballerini che esplorano le proprie reciproche emozioni per farle sfociare in movimenti a volte passionali e volte riflessivi. Così come nel tango, il cantore e l'ascoltatore de 'La Danse Interdite' si trovano faccia a faccia con loro stessi, con i propri enigmi e le proprie ombre, in un'estemporanea fuga dal presente nel ricordo di un felice passato e nella speranza di un futuro migliore.
Utilizzando un cantato molto teatrale, pianoforte, un occasionale sassofono ma soprattutto lo strumento tipico del tango, il bandoneòn (che ricordiamo fu creato come strumento di musica liturgica per le chiese che non potevano permettersi un vero organo), prendono forma brani come la pacata 'Elegia della solutidine' che ci accompagna idealmente tra i vicoli di San Telmo, vecchio quartiere ancora intatto di Buenos Aires, a sederci su un tavolino di legno di uno dei tanti cafè pieni di fumo a meditare sui ricordi che faticosamente scorrono davanti ai nostri occhi in canzoni come 'Una sordida cura', 'L'affanno di un sentimento', fino alla conclusiva 'Esegeticka' dove su un tappeto di sottofondo quasi ambient viene proclamata la negazione dell'essenza del tango stesso, la danza. 'Interdite', appunto. Una falsa fuga dal presente ed un falso movimento del pensiero.
-|-|-» Un progetto davvero particolare, che forse non riscontrerà l'apprezzamento immediato di molto pubblico della scena 'goth' attuale troppo abituato ad altre sonorità più facilmente assimilabili. Ma se la vostra intenzione è di passare una mezz'oretta di pieno Spleen riflessivo, allora questo cd potrebbe fare al caso vostro.

»------------ English Version ------------«
'En Velours Noir' is one of the several projects carried on by Luigi M. Mennella and 'La Danse Interdite' is their 4th release. This is a 5' beautifully packed cd, a contemporary homage to Tango filled with melancholy and introspective nostalgia. The essence of Tango is the relationship between the two dancers, exploring their innermost feelings which take shape in passionate or slow movements: a similar event occurs between composer and listener of 'La Danse Interdite', both facing their own mysteries and shadows, recalling their happy past times and hoping for a better future. Using theatrical vocals, piano, brasses and, mostly Tango’s typical instrument 'bandoneon' (which was formerly used as liturgical instrument in churches that cannot afford a 'real' pipe organ), L. Mennella composes charming tracks as 'Elegia della solitudine', taking us for an imaginary walk down the narrow alleys of San Telmo, an old zone in Buenos Aires, sitting at old woode n tables in a typical café thinking about memories brought by such songs as 'Una sordida cura', 'L'affanno di un sentimento'. 'Esegeticka', the last song built on an ambient synth pad, eventually negates Tango’s essence: dance as a false movement. A false escape from reality and a wrong move of thought.
-|-|-» A very peculiar musical project, indeed, which will probably be not very friendly to the average “goth” audience used to different a more commercial sounds. But if you wish to spend half an hour in the company of Spleen, then this cd could be for you.

from webzine "The D-Side" (Italy)

top


En Velours Noir: La Danse Interdite
(MCD - Musa Ermeticka, 2005)

Ecco qualcosa di davvero diverso e veramente interessante. Questo lavoro s’inserisce nella scena dark con una sua peculiarità. Niente sintetizzatori impazziti, chitarre infernali e voci apocalittiche, ma una struggente fisarmonica tesse delicati e passionali trame di un tango fuori dal tempo, decadente e melanconico. La musica danza- è proprio il caso di dire – su liriche sentimentali (tra cui anche una poesia scritta da Pier Paolo Pasolini) evocando immagini da fine de siecle ma collocandole su un orizzonte atemporale, rendendole icone di uno spleen molto intimo e raffinato. Il mini cd è bellissimo, tutti i brani riscaldano il cuore, trascinano la mente ed affascinano l’ascoltatore avvolgendolo con melodie melodrammatiche che solo le reminiscenze di tangueros argentini sanno suscitare. Ma la musica è nuova, la ricerca progressiva appagata. Prova davvero superlativa: è proprio vero che la creatività genuina sa attingere dalla luce di ogni stella, anche quella più lontana e meno visibile. Ecco una perla da disciogliere nel calice dei propri pensieri e da assaporare al chiarore di una luna malata. (S*Tox)

from webzine "Ver Sacrum" (Italy)

top


EN VELOURS NOIR "La Danse Interdite" (Mvsa Ermeticka)

La filologia incontra il dolore

EVN non è mai stato un progetto invadente: da oltre sette anni la sua prolificità è stata sempre qualitativamente programmata saltando a piè pari l'inutilità di una ostentata onnipresenza discografica. "Pochi ma buoni", dice il detto, così come non regolari sono le produzioni di Luigi Mennella: una manciata di titoli e poi, dopo diverso tempo, questo eccellente MCD formato 3" dall'elegante confezione.
Quello di cercare il nuovo non è certo un obbligo, ma il nostro consiglio, nel caso voleste ascoltare qualcosa di davvero particolare, è quello di fermarsi proprio davanti a questo piccolo oggettino. Riconvertire elettronicamente degli strumenti tradizionali per ricreare una sorta di rinascita di una decadente forma di nuovo tango d'avanguardia non è certo da tutti; riportare poi tutto in un'ambientazione malinconica, sommessa e retrò è ancora più difficile, ma EVN riesce a dare enorme
respiro nella poesia a una fisarmonica che pare appena accennata, e a un suono che, col passare dei minuti, sembra impadronirsi del musicista piuttosto che il contrario.
Tutto poi sottolineato anche tramite la performance vocale, che pare quella di una persona dal cuore straziato, che va a immergersi con rassegnazione in queste note.
Una scrittura attenta, una ricerca che sublima se stessa e implode nella rappresentazione di un dramma di lucida sofferenza. Consigliato (Gianfranco Santoro)

from magazine "Ritual" (Italy)

top


En Velours Noir Featuring Maethelyiah - Dans Les Fleurs De Velours Noir

Limitatissima edizione per questa nuova uscita per il mastermind Mennella ed il suo En Velours Noir (si va dalle 33 copie del formato con tanto di borsetta in velluto nero alle 500 copie del Vinyl Look cd, con la costante di uno splendido booklet di ben 16 apgine a colori), sempre caratterizzato dall'estrema ricercatezza musicale, all'insegna dell'Avantgarde Gothic/Dark Ambient music. Testi propri, così come il contributo di alcune liriche di Baudelaire, Verlaine, Leopardi e Crowley che si stagliano su un supporto musicale intricato, ove spesso si ritrovano elementi di musica da camera, free Jazz o musica classica, ed ove l'ottima voce di Maethelyiah (Blooding Mask, Ajanuary Field) fornisce certamente quel quid in più. Oggigiorno bands come questa sono sicuramente da apprezzare, ma devo dire che la proposta musicale è alquanto selettiva, trovando un posto veramente di nicchia nel mercato. Peccato, perchè a pensarci bene, 'Dan Les Fleurs de Velours Noir' è davvero un bel dischetto, di non immediata assimilazione, questo no, ma comunque fatto veramente con gusto, tecnica e passione. Alla fine, consiglio vivamente anche solo un ascolto veloce a questo platter, soprattutto rivolto a chi considera l'Avantgarde come il genere musicale per eccellenza. (Massimo 'Whora' Pirazzoli)

from webzine "Eutk.net" (Italy)

top


En Veloirs Noir feat. Maethelyan - Dans Les Fleurs de Velours Noir (Mvsa Ermetika)

Just about a year after the return of En Velours Noir, a new full length is a rather welcome surprise. Between neoclassical and decadent avant-garde noir, Dans Les Fleurs de Velours Noir is a work rich in textures and packed with poetic references. The backbone is made of sultry grand piano scores, over which a plethora of extra arrangements are canvassed with a unique and refined taste that will appeal to the dark essence of the soul. While some tracks are more markedly of neo-classic extraction, others have a more avant-garde feel and feature influences ranging from chamber music all the way to organic or sacral ambiances and a lot of experimentation. Dans Les Fleurs... moves at a good pace, providing a sense of dynamism that is certainly one of the strongest qualities of the artist. Mastermind Luigi Mennella shares his chameleonic vocal duties with UK based Maethelyan, known for her work as The Blooding Mask. The lyrical content is suitably poetic, including excerpts from Baudelaire, Verlaine, Crowley, and Leopardi, besides Luigi's own poetry. Also a tread of union to his previous release is offered by a tango or two to bring again a little extra retro feel to the work. One additional mention goes for the packaging and, although I have received the least sophisticated of the three formats (a plain jewel-case), the illustrations throughout the inset and booklet are very impressive and are the right frame for a work of highly artistic sensibility.Down to the disk itself resembling a vinyl. A work of passion and decadence that I recommend to those feeding themselves on art noir. 

from webzine "Darklife Zine" (Switzerland)

top


EN VELOUR NOIR
“Dans Les Fleurs De Velours Noir”
(CD, Mvsa Ermeticka)

En Velour Noir è in pratica l’universo artistico di Luigi Maria Mennella che, con questo “Dans Les Fleurs De Velours Noir”, ci offre un delicatissimo viaggio ove liriche scritte da grandi autori sono musicate da un ispirato artista romantico nel senso più totale del termine.
A queste personali rivisitazioni di altri si uniscono quindi proprie liriche che, sorrette da dolci sonate pianistiche e fuse con arrangiamenti sonori inusuali, ci immergono in un mare di nostalgia.
Il mare di nostalgia di cui parlo è quello che ci riporta alla primordia della musica, intesa come la più profonda e completa forma espressiva dell’animo umano e dell’essere artista.
Accompagnato, in alcuni episodi, dalla bellissima female voice di Maethelyian’s, il signor Mennella ci offre i suoi cinque fiori ancora freschi ed intensamente profumati di un  fascino crepuscolare che ci cullano verso il sogno e l’oblio che purga la mente dalla tragedia del vivere.
Dopo una breve introduzione eccoci quindi di fronte ad undici sonate (divise rispettivamente in cinque parti differenti) per un ascolto da vivere nell’intimo di noi stessi. Un’opera dove il dolore di chi vive in disparte sgorga dal profondo delle ferite del dileggio come una catarsi dell’anima...
Provate ad immaginare un moderno Leopardi che unisce alla sua profondità poetica la raffinatezza della musica: questo forse è il modo migliore per comprendere il quadro sonoro di questo CD. Sicuramente un lavoro particolarissimo, fuori da qualsiasi schema o genere musicale.
Le tracce che personalmente ritengo migliori e in grado da sole di colmare quella sete di musica libera da vincoli di qualsiasi natura dell’artista sono “Improvisation Under Spleen”, “The Garland”, “Out Of Contexted-Romanticism Sonata” e “ The Green Goddess”.
Un disco da ascoltare lasciandoci cullare dalle emozioni più recondite dell’anima. (Walter Piano)

from fanzine "Ascension" (Italy)

top


En Velours Noir
Dans Les Fleurs De Velours Noir

Estetismo sprituale e ruvide carezze
Splendido il packaging. Raffinata la musica. Con queste poche parole, unite al doveroso consiglio di fare vostro questo CD, la recensione di ‘Dans Les Fleurs De Velours Noir’ potrebbe concludersi, perché risulta estremamente per chiunque descrivere lo spleen di En Velours Noir.

La maniacale esigenza di perfezionismo estetico-sonoro che da sempre accompagna Luigi Mennella (Furvus e F.ormal L.ogic D.ecay) poteva costarci caro, ma il desiderio testardo di portare a termine questo lavoro ha sconfitto la debolezza di “mollare tutto”. Non è stato facile trasformare un’idea in poesia, ma anche grazie all’aiuto della cantante Maethelyiah (Blooding Mask), l’artista di Follonica è riuscito nel suo intento.

Musica da camera, neoclassica, elitaria e ricercata può far innamorare di sé solo chi ha un animo dolce ed è (geneticamente) predisposto a tale sonorità. Non vuole essere una condanna, ma ‘Dans Les Fleurs De Velours Noir’ rimarrà sconosciuto ai più e – allo stesso tempo - amato alla follia da chi saprà trovare giovamento da quelle sue suggestive note di amaro romanticismo. Disilluse atmosfere decadenti disegnate da fughe oniriche di pianoforte si uniscono carnalmente alle poesie dello stesso Mennella ed ai testi di Baudelaire, Leopardi, Crowley evidenziando quanto il connubio tra due mondi diversi sia terribilmente complementare. (Lux)

from webzine "Kronic.it" (Italy)

top


EN VELOURS NOIR - "Dans les fleurs de velours noir" [Mvsa ermeticka, 2006]

Dopo anni di oblio, finalmente ritorna alla luce il lavoro dimenticato di En Velours Noir, "Dans les fleurs de velours noir". Originariamente composto tra il 1997 e il 1999, il progeto naufragò a causa di problemi legati all'insoddisfazione della resa sonora finale. Ora, a distanza di anni, il tutto viene ripreso in considerazione, riregistrato e reinterpretato. Devo ammettere che il risultato è davvero buono. Registrato per metà dal vivo (le parti di pianoforte, per mantenere intatto lo spleen del compositore mentre suona lo strumento) e per metà con ritocchi in studio, il lavoro ci accompagna per mano in un mondo dove il senso di abbandono
prevale rispetto all'ansia ed al disagio. Il booklet, splendido, è ricco di immagini ed annotazioni che accompagnano ogni brano presente. Parte delle liriche sono tratti da poemi di Verlaine, Baudelaire, Leopardi ed altri, oltre che scritte dallo stesso Luigi Maria Mennella. Come non ricordare l'importante ruolo che ha in questa rinascita di questo lavoro dimenticato, Maethelyiah, bellezza anglosassone che molti di voi ricorderanno tra le fila dei Blooding Mask. Un ottimo lavoro, una conferma delle buone impressioni che avevo avuto con il Cd più recente ("La danse interdite") con cui condivide un particolare: l'approccio all'ascolto non è dei più semplici, ma se si riesce a perdersi in queste sonorità in bilico tra il classico, il medievale e le composizioni fumose di inizio secolo, può regalare non poche emozioni. Disponibile in tre (!!!) diverse edizioni: normale in jewelcase, digibox e in un sacchetto di velluto nero con poster, cartoline ed adesivo. Limitate rispettivamente a 300, 177 e 33 copie numerate. [Max 13-34]

from webzine "Erba della Strega" (Italy)

top


—- EN VELOURS NOIR / DANS LES FLEURS DE VELOURS NOIR -—

Nuovo lavoro per l'infaticabile Luigi Mennella, che ritorna a solo un anno di distanza dal mini-cd 'La Danse Interdite' riproponendo in parte ('La Chanson du peintre des Monogrammes', 'A prelude of correpsondances', 'Improvisations under spleen' o la superba 'Out of contexted-Romanticisim Sonata') le atmosfere malinconiche e profumate di tango che caratterizzavano il precedente cd, affiancate da composizioni più ambiziose e ricche di strumenti che iniziano spesso in tono sommesso per poi sconfinare grandiosamente in pieno territorio neoclassico con uso di archi e percussioni: l'emozionante 'Marriage in Blue', la splendida 'The Garland' nella quale affiorano addirittura - nelle giuste proporzioni - frammenti Deadcandenciani (non riesco a non pensare a 'The Carnival is Over') o l'eterea 'The Green Goddess' inizialmente intima e lirica composizione da camera che sfocia in un inatteso finale jazzato. Particolarità di En Velours Noir è l'assoluta lontananza da ogni forma di tecnologia e di musica contemporanea; pianoforte, bandoneon, violoncello ed archi che sembrano provenire da nessun luogo e da nessun tempo. Solchi e graffi che simulano vecchi vinili, voce filtrata da un riverbero assolutamente 'vintage' come a similare un canto proveniente da un vicolo, da un androne di una scala, da una stanza vuota. Nota di merito per il curatissimo artwork e soprattutto per il cd che, in superfice simula, anche al tatto, un vecchio 45 giri con veri solchi!! Ai testi originali composti da Mennella, si affiancano poemi di Baudelaire, Verlaine, Leopardi e Crowley.
-|-|-» Progetto coraggioso, toccante e necessario come la melanconia che non dovrebbe mai cessare di accompagnare alcune serate della nostra esistenza.

from webzine "The D-Side" (Italy)

top


EN VELOUR NOIR
“Dans les Fleurs de Velours Noir”
(CD – Mvsa Ermeticka)

La prima cosa da dire nel parlare di questo cd è di sconsigliarlo ai perdigiorno! Il nuovo lavoro di En Velour Noir preme ancora di più rispetto al recente passato su un’intimità veramente disarmante. E lo fa avendo come numi tutelari l’opera dei grandi Crowley, Prevert, Leopardi, Verlaine e Baudelaire e rivolgendo la propria attenzione su una musica elitaria e colta. Tutta incentrata su pianoforte, parti sinfoniche, violino, fisarmonica per creare un accompagnamento sonoro adatto per abbracciare le oniriche e toccanti storie di Luigi Mennella, affiancato in questa fatica anche dal supporto di Maethelyiah, vecchia conoscenza della scena nazionale fin dai tempi in cui era la vocalist dei Blooding Mask (ed ora negli Anjuary Fields). Un duetto vocale che da il meglio di se in composizioni veramente delicate, a volte anche più oscure, ma sempre all’insegna di una poesia sottile e penetrante. Decadenti e raffinate soluzioni per una musica difficilmente classificabile e da sconsigliare a chi vive nell’epoca del “rumore”. Uno dei rari esempi in cui etica ed estetica vanno a braccetto, un qualcosa di avulso dall’epoca attuale. Come esempio a tutto ciò vorrei citare la penetrante “The Garland”, brano all’insegna di un trasporto totale. Poco altro da aggiungere. Se volete veramente sentire un qualcosa di catartico e viscerale, sfogliate questo florilegio di raffinata e profonda inspirazione. Per molti ma non per tutti! (Ottavio Chiodo)

from fanzine "Herz und Geist" (Italy)

top


EN VELOUR NOIR featuring Maethelyiah
“Dans Les Fleurs De Velours Noir” CD (Mvsa Ermeticka)

“Dans Les Fleurs….” era stato edito per la prima volta nel 1997, anche se la nuova edizione che ci troviamo ora a recensire non è una vera e propria ristampa: ha sì i brani dell’albun di nove anni fa, ma essi sono stati reincisi completamente. Questa nuova versione è addirittura disponibile in tre edizioni diverse, la prima in una normale confezione da 300 copie, un’altra in un digibox in sole 177 copie, e per ultimo c’è la superlimitata confezione in velluto nero con in più poster, cartoline e adesivo, tirata in sole 33 copie. Il lavoro è molto particolare ed affascinante, come finora ci ha abituato Luigi Maria Mennella, unico ideatore di E.V.N.
Avangarde è la definizione giusta per questo CD, che fa respirare aria di altri tempi, in cui fumosi bar ottocenteschi sono frequentati da poeti maledetti, e dove l’assenzio scorre a fiumi. In alcuni brani partecipa Maethelyiah, nota brava cantante dei Blooding Mask, e i duetti tra lei e Luigi riescono a far sognare l’ascoltatore, basta sentire con attenzione ad esempio “La chanson du peintre des Monogrammes”. Un disco romantico e delicato in cui un pianoforte ricama degnamente le melodie. Info: www.mennella.info (NIKITA)  

from webzine "Rosa Selvaggia" (Italy)

top


En Velours Noir - Dans Les Fleurs De Velours Noir (2006)

En Velours Noir est le projet de Luigi M.Mennella qui se cache aussi derrière Furvus et Formal Logic Decay, il est accompagné ici par la chanteuse Maethelyiah. "Dans Les Fleurs De Velours Noir" est en fait le premier album du groupe, il à été écrit entre 1997 et 1999 et ne sort que maintenant sous une forme retravaillée.

En Velours Noir navigue entre Néo Classique, musique de chambre, et chansons rétro-décadentes. L'inspiration est poétique, Baudelaire, Verlaine, Prevert, Crowley, Borroughs, Leopardi sont mélangés aux textes romantiques de Luigi, sur un foisonnement d'arrangements subtils et divers. On est subjugué par la qualité, le professionalisme de l'album, le romantisme et la mélancolie qu'il dégage. Le piano est magistral, il est la base de toutes les compositions, accompagné par des violons, une clarinette, et un accordéon magnifique. L'album est entrecoupé d'interludes rétro, tirés de vielles chansons du siècle dernier, qui renforcent l'impression de nostalgie et de spleen qui domine tout au long du cd. "La Chanson Du Peintre Des Monogrammes" nous plonge dans un univers chatoyant, ou le piano est romanesque, les voix lyriques, et l'utilisation raffinée du francais par Maethelyiah font de cette chanson une merveille de sensibilité. "Marriage In Blue" est une ballade au piano passionné, aux arrangement seventies où la voix ardente et androgyne de Luigi vous pince le coeur et ravive les sentiments amoureux qui sommeillent en vous. "The Green Godess" titre plus jazzy encore une fois très lyrique, nous parle d'absinthe, des salons du début du XIXè siècle, où elle était en vogue. "Dans Les Fleurs De Velours Noir" est le cd idéal pour flâner, laisser déambuler son esprit, sur des mélodies féériques et des ambiances nostalgiques.

C'est pour moi le meilleur projet de Luigi Maria Mennella, le plus inspiré, le plus excentrique. Bien que se soit un boîtier cristal le livret est superbe, il comporte des annotations de l'auteur pour chaque chanson (qui vous guident durant l'écoute), une quantité de gravures et de photos charmantes qui consolident l'ambiance nostalgique de l'album. Le cd se présente comme un vinyl, noir avec des sillons et un rond central à la facon des gramophone du XIXè siècle. (svet_9)

Note : 16/20

from webzine "Broken Dolls" (France)

top


EN VELOUR NOIR
“Dans Les Fleurs De Velours Noir”
(Mvsa Ermeticka/Masterpiece)

Fiori novecenteschi

Efficace l’estetica tratteggiata da Luigi Mennella in questa rinnovata presenza a firma En Velour Noir. “Dans Les Fleurs...”, distinto dalla collaborazione vocale dell’ex Blooding Mask Maethelyiah, sin dal titolo riconduce ai temi esistenziali del decadentismo francese (non casuali quindi le estrapolazioni tematiche da Boudelaire e Verlaine, così quanto gli omaggi al siero verde per antonomasia: l’assenzio), rivelandosi reduce da un complesso periodo di gestazione, ben oltre gli otto anni, che non ne ha scalfito la profonda valenza artistica e culturale. Elemento cardine è l’anima acustica, quella abile nell’alternare fumose schermature jazzistiche in drammatici e raccolti saliscendi pianistici (sorta d’intreccio tra Bad Seeds, le ombre badalamentiane e Black Tape For A Blue Girl)… senza poi tacere l’appartenenza al sinfonico mozartiano. Scomodi i soggetti scelti, come nel caso di Burroughs, Leopardi e Crowley, lontani nell’attitudine ma comuni nell’avvertire un senso altro e superiore in seno all’esistente, quindi di viverlo nel pieno delle sue contraddizioini. Molteplici prospettive che si traducono anche in seno al manifesto musicale: ”The Garland” evoca spettri dei Dead Can Dance, nel mentre sono molteplici gli echi stilistici verso gli anni ’30, seppur senza il vigore realista già testimoniato dagli Ianva. Opera conturbante, abile nell’oltrepassare le consuete categorie di genere. (Stefano Morelli)

from magazine "Ritual" (Italy)

top


En Velours Noir featuring Maethelyiah: Dans Les Fleurs De Velours Noir
(CD - Musa Ermeticka/A.W.F., 2006)

Una nuova interessante realizzazione del progetto musicale di Luigi Mennella alias En Velours Noir. Su un supporto vinyl style l’artista ci propone alcune composizioni per gran piano realizzate da tempo ma lasciate nel cassetto per propria scelta, sia perché ritenute non adeguate ad una presentazione sul piano commerciale, sia soprattutto perché la tecnica analogica era, per l’autore, assolutamente insoddisfacente. Le registrazioni dell’epoca sono state totalmente rieditate ed in più la tecnica pianistica dell’autore si è coniugata con l’elevata espressività della voce di Maethelyiah, già nota singer dei Blooding Mask ed oggi leader del progetto Ajanuary Field. Senza rinunciare al gusto neoclassico delle sue composizioni, l’autore amplia i suoi orizzonti verso suggestioni dark ambient particolarmente intense. Il tono decadentistico delle composizioni è suggellato dai testi attinti, oltre che da poesie dello stesso Mennella, dalle liriche di Baudelaire, Verlaine, Leopardi e, a sottolineare un certo carattere esoterico del messaggio artistico proposto, perfino di Aleister Crowley. Alcune tracks, forse per una presenza ossessiva del cantato/recitato, non sono sempre incisive, ma davvero stupenda è “The Garland”, dai toni molto onirici. L’arrangiamento classicheggiante dei brani la fa da padrone coniugandosi con sonorità oscure a tratti inquietanti. Certe atmosfere da belle epoque contribuiscono poi a rendere particolarmente raffinata la musica di questo autore che coraggiosamente – perché incurante del mercato, anche di genere – persevera nella sua ricerca estetica profondamente spirituale.(S*Tox)

from webzine "Ver Sacrum" (Italy)

top